Chi sono

Benvenuto/a!

 

Carissimo, carissima

Benvenuti!

Mi chiamo Alessandro Minto e se ti piace leggere articoli che parlino di vino ma anche di storie ed emozioni ad esso legate, sei nel posto giusto!

Mi sono avvicinato al vino ben prima di avere l’età legale per farlo suppongo! sorseggiando sporadicamente dal bicchiere del babbo qualche goccia di vino rosso. A tavola sempre vino sfuso, al massimo una buona bottiglietta del supermercato. Non mi sono mai interrogato molto sul legame tra vino e cibo prima di due anni fa, quando invece ho capito che qualche sorso di vino era piacevole accostato a determinati cibi, per cui come primo passo avevo deciso di indagare su questa cosa! Ecco, come ho cominciato a scoprire un mondo.

Facevo tutt’altro nella vita come lavoro (stavolta niente di illegale), ma mi son ritrovato in un paio di anni con un attestato di sommelier AIS, un impiego presso un’enoteca e una passione in mano che non avrei mai pensato di coltivare. Ovviamente ho liquidato in poche righe quello che in realtà è stato un percorso a tappe ben più articolato!

Comunque ormai la miccia era accesa, e la passione che ho da allora è quella che mi spinge di continuo a voler ricercare, provare, studiare quello che il mondo del vino ha da offrire. Mi piace soprattutto andare alla ricerca delle piccole realtà, quelle poco battute dal mercato, e scoprire vitigni sconosciuti eppure indispensabili che rappresentano l’identità di un territorio. Mi piace raccontare tutto ciò in questo spazio, lasciandomi andare non tanto a tecnicismi quanto alle emozioni che un calice e il suo produttore possono avermi lasciato nel mio bagaglio personale. Mi piace farlo con un po’ di ironia pure, perché oggi comunicare di vino è un qualcosa che richiede professionalità e competenze, ma anche un po’ di “leggerezza” 😉

Vite da Vino nasce un po’ da questa passione e ricerca continue, dalla voglia di dar valore al lavoro di chi costantemente si impegna a interpretare un territorio, viverlo e condividerlo. Perché il vino non nasce solo dalla vite-pianta ma anche dalle vite-persone, quelle che sono tutti i giorni in vigna a coltivare acino per acino, ad aspettarlo dal legno o dall’acciaio o dall’anfora che sia, e che poi imbottiglia, magari aspetta ancora, ma alla fine vengono da te e non vedono l’ora di farti vedere cosa c’è di buono.

 

Ecco amici, non vale forse la pena di scoprirlo? 😉

Buona permanenza!

Alessandro
Torna in alto

Seguimi anche su ↓

Facebook
Facebook
Instagram
Follow by Email
LINKEDIN
RSS